fbpx

Come fare una campagna di crowdfunding

Come fare una campagna di crowdfunding? Usare questo strumento può rappresentare un’opportunità per chi ha un’idea imprenditoriale da realizzare?

L’Italia è un paese di startup e piccole aziende innovative. Secondo il rapporto del MISE datato Giugno 2020, nel nostro paese siamo ormai arrivati a 11.496 startup iscritte alle camere di commercio.

Non hai tempo di leggere l’articolo? Ascolta il podcast!

Molte delle startup e pmi che si finanziano attraverso il crowdfunding operano in settori come la tutela dell’ambiente e della salute, la sharing economy, il settore medico o iniziative di tipo sociale. L’innovazione è un fattore trainante di tutto il settore. Quelle che riescono ad accedere a questo tipo di finanziamenti possono:

  • Avere i fondi iniziali per concretizzare e sviluppare il loro progetto
  • Farsi conoscere al “pubblico” e generare quindi conoscenza e diffusione del brand

Assieme a startupper ed imprenditori, gli altri attori del crowdfunding sono gli investitori, che in Italia aumentano in maniera esponenziale di anno in anno. Sebbene i fattori di rischio piuttosto elevati, i vantaggi fiscali di investire in una startup/pmi innovativa sono indubbi. Per questo motivo più di 6000 persone ad oggi hanno già finanziato un progetto di questo tipo attraverso una piattaforma online. I finanziatori potenziali infatti hanno la prospettiva di:

  • Partecipare ad un progetto che può fare davvero la differenza
  • Avere un ottimo rientro di capitale entro 3/5 anni

VANTAGGI DEL CROWDFUNDING PER STARTUP E PMI

Come abbiamo già detto il crowdfunding si configura come uno strumento concreto e tangibile per ottenere fondi da utilizzare per la propria impresa. Spesso quello che manca alle startup e alle pmi è proprio la liquidità per iniziare a concretizzare la propria idea imprenditoriale.
Anche con l’idea migliore del mondo non si va lontano, se non si hanno le finanze adeguate per svilupparla.
Oltre all’indubbio risvolto economico però, attraverso il crowdfunding possiamo avere dei benefit accessori fondamentali per la crescita del nostro progetto.

vantaggi del crowdfunding

 

1- Aumento della conoscenza e diffusione del brand e possibilità di fare campagne di marketing gratuite

L’accesso ad una piattaforma di crowdfunding online ci darà modo di farci notare da una platea molto ampia. Secondo alcune stime, due delle piattaforme più famose, Kickstarter e Indiegogo, registrano mensilmente un traffico di circa 600000 visitatori unici. Non solo investitori ma moltissimi potenziali clienti potranno conoscere il progetto, parlarne ad altri ed amplificare enormemente la diffusione del brand. Anche senza dover aumentare il budget per le attività di marketing avremo la possibilità di beneficiare del passaparola e della viralità generata attraverso la nostra campagna online.
Le chance che si generino dei lead validi ed interessati sono molto elevate.

2- Riduzione dei rischi finanziari e  migliore controllo dei flussi di cassa

Molte startup vendono servizi o prodotti innovativi. Nel primo caso, la fase di sviluppo riveste un peso notevole. Può essere più o meno lunga, portata avanti da una persona singola o un team. In ogni caso il banco di prova si avrà quando gli utenti inizieranno ad usare il servizio e daranno un feedback più o meno positivo sulla loro user experience. Nel caso di oggetti fisici invece, i prototipi vanno prodotti e saranno valutati dagli investitori e da chiunque sia presente sulla piattaforma di crowdfunding. Se, attraverso una strategia di marketing ben precisa, riusciamo a pre-vendere i nostri prodotti, riusciremo anche a minimizzare i rischi di perdite. Inoltre, se un prodotto può essere realizzato in serie ed in grande quantità, potremo riuscire ad abbattere i costi di produzione aumentando i margini di guadagno.

3- Validazione del prodotto/servizio 

È uno step fondamentale ed indispensabile alla base di ogni business. Ottenere dei feedback sulla nostra idea può fare davvero la differenza tra successo e fallimento. Più del 40% delle Startup infatti, non supera i 3 anni di vita proprio perché propone qualcosa per cui non c’è richiesta. In sostanza non intercetta nessun bisogno dei consumatori. La presenza su una piattaforma di crowdfunding ci permettere di raccogliere molti feedback da parte di utenti di ogni tipo. Potremo così sfruttarli per cambiare rotta, modificare il nostro prodotto/servizio o migliorarne alcuni aspetti.

4- Cross-selling e up-selling 

Il crowdfunding Reward Based (basato sulle ricompense) può permetterci di aumentare i guadagni offrendo aggiornamenti, pacchetti pro o prodotti/servizi correlati. Possiamo usare questi strumenti non solo durante la campagna attiva ma anche dopo che questa si conclude. Attraverso queste due tecniche è possibile aumentare le vendite e anche la life time value dei clienti.

COME FARE UNA CAMPAGNA CROWDFUNDING DI SUCCESSO

I numeri parlano chiaro: nonostante entusiasmo, dedizione e buone idee, solo poco più del 50% delle campagne di crowdfunding ha successo.
È evidente quindi che bisogna avere una strategia ben precisa, ancor prima di proporsi in una piattaforma online.
Non avrebbe senso fare richiesta, essere selezionati e poi sprecare una grande occasione perché non si ha un piano.
Cosa fare quindi per rendere il nostro progetto attraente su una piattaforma di crowdfunding?

Offriamo un valore reale.

Come abbiamo già detto, il motivo principale del fallimento di una startup è l’assenza di una vera richiesta da parte dei consumatori. È fondamentale focalizzarsi sul nostro prodotto in modo da essere sicuri che esso risponda ad un bisogno effettivo. In sostanza il nostro prodotto/sevizio deve apportare un valore sul mercato.

Assicuriamoci di avere un buon business plan.

Al di là della validità della tua idea dovrai essere in grado di spiegare in dettaglio la tua strategia. Dovrai avere ben chiari aspetti come il target di riferimento, il mercato in cui entrerai, le spese che dovrai sostenere (e quindi quanti soldi chiedere agli investitori). Inoltre dovrai dichiarare come hai intenzione di utilizzare il denaro che riceverai (attività di marketing, produzione, costi di personale etc). Insomma, prima di presentarti ad un pubblico di investitori, assicurati di saper rispondere a tutte queste domande.

Costruiamo una community di sostenitori.

Ancor prima di proporre la tua candidatura su una piattaforma di crowdfunding assicurati di avere un pubblico affezionato al tuo progetto. Cerca di farti conoscere il più possibile sfruttando un sito, un blog o le tue pagine social. Costruire un rapporto con la tua community ti darà un’enorme spinta, quando andrai a richiedere dei fondi.

Fai delle ricerche di mercato. 

Ti serviranno per capire se il tuo progetto è adatto al crowdfunding. È fondamentale capire se il nostro prodotto/servizio risponde a delle esigenze e se esistono competitors che offrono le stesse cose. Sottovalutare la presenza della concorrenza diretta o indiretta è un errore che può letteralmente annientare le chance di successo.

Una campagna di crowdfunding che centra l’obbiettivo ha alla base una solida documentazione ma deve anche colpire i potenziali finanziatori.

Per questo motivo, oltre a sviluppare una strategia basata su ricerche di mercato, test e sostegno da parte della nostra community, dobbiamo lavorare sulla nostra immagine e sulla nostra comunicazione. Dobbiamo, in sostanza, renderci appetibili ed entrare nella testa delle persone, dobbiamo farci ricordare.

  • Creiamo una campagna unica ed innovativa. Cerchiamo di differenziarci dalle altre startup attraverso una comunicazione accattivante e creativa. Contenuti come video e foto non devono mai mancare per fare una campagna di crowdfunding. Facciamo in modo di produrre contenuti di qualità, che coinvolgano i possibili finanziatori e che colpiscano gli utenti.
  •  Offriamo delle ricompense. Sebbene tutte le campagne Reward Based garantiscano ai finanziatori un “premio” per il loro sostegno, ci sono mille modi di ricompensare i nostri finanziatori. Offrire l’accesso a servizi esclusivi o aggiuntivi, essere i primi a provare un prodotto/servizio etc. Tutto quello che può avvicinare e fidelizzare i nostri investitori andrà preso in considerazione per rafforzare la loro fiducia nel nostro progetto.

Fare una campagna di crowdfunding non è semplice ma è un’opportunità da non lasciarsi sfuggire se avete una startup e pochi fondi a disposizione. Con una buona comunicazione, una strategia precisa e un atteggiamento trasparente verso finanziatori e community, avrete un’ottima possibilità di realizzare una campagna di successo.

Chiedici di più


Related posts

Leave a Comment