fbpx

Business plan per startup: i 6 elementi fondamentali

Business plan per startup: i 6 elementi fondamentali

La realizzazione di un business plan per startup non vuol dire soltanto sviluppare un’idea di business per una futura azienda. È un documento che analizza ogni singola parte di un futuro progetto rendendolo concreto fino ai minimi dettagli. Perché, come diciamo sempre, solo avendo le idee chiare sarà possibile mettere in atto una strategia aziendale efficace.

Inoltre questo documento è assolutamente necessario per la richiesta di finanziamento da parte dello stato o da investitori privati. Quindi niente dev’essere lasciato al caso, il business plan per startup è il passaporto che permette all’aspirante imprenditore di spiccare il volo.

 

La struttura di un business plan startup

La costruzione di questo documento deve essere in grado di spiegare, non solo a se stessi, ma soprattutto ai possibili finanziatori, cosa vogliamo fare e con cosa. Quindi, nelle varie strutture di business plan che si possono scegliere, ci sono degli elementi che devono in ogni caso descritti.

 

  • Piano di investimento
  • Costi fissi
  • Costi variabili
  • Proiezioni di vendita
  • Break even point
  • Risultato economico

Più saranno chiari e dettagliati questi punti e più il business plan startup sarà credibile e soprattutto realistico. Perché il potenziale finanziatore ha bisogno di prospettive chiare. Vediamo nel dettaglio questi elementi.

 

Piano d’investimento

In questa parte del business plan devono essere elencate tutte le spese per l’avviamento della startup. Come è facile intuire è fondamentale che si abbiano le risorse per avviare il percorso di un’azienda. Quindi la lista di beni materiali e immateriali necessari deve essere molto precisa. Non solo. Va spiegato chiaramente perché una determinata spesa è assolutamente necessaria. Facciamo un breve elenco di alcune delle spese di avviamento necessarie.

 

  1. Costituzione della società
  2. Iscrizione al registro delle imprese
  3. Spese varie per consulenze legali e aziendali
  4. Rilascio di autorizzazioni e permessi
  5. Acquisto di macchinari
  6. Acquisto di software
  7. Realizzazione di un sito aziendale
  8. Pubblicità di lancio della startup e del nuovo prodotto

Queste sono solo alcune delle spese che devono far parte di un corretto piano d’investimento iniziale. Per ogni voce devono essere inserite le cifre esatte delle spese previste e anche la percentuale di ammortamento annuale.

 

Costi fissi e costi variabili

Una volta che la startup ha preso vita, l’azienda ha dei costi da sostenere a cui l’imprenditore deve far fronte ogni mese della sua attività. Il modo più semplice per identificarli è tramite la divisione in costi fissi e costi variabili.

 

  • I costi fissi sono quelli che sono presenti anche con una produzione minima e non cambiano al variare della produzione stessa.
  • I costi variabili sono direttamente legati al volume di produzione.

Tipici esempi di costi fissi sono ad esempio il canone di affitto dell’immobile dove ha sede l’azienda, la quota d’iscrizione alla camera di commercio, il compenso del commercialista. All’interno di questa lista devono essere anche inseriti l’ammortamento e l’eventuale leasing riguardanti i macchinari. Ma anche gli stipendi dei dipendenti, al netto delle eventuali ore di lavoro straordinario.

I costi variabili riguardano invece tutte le spese che cambiano in base al volume di produzione di quello che si va a vendere. Se produciamo maniglie in ottone, più ne vendiamo e più ottone da lavorare dovremo acquistare. Inoltre dovremo tenere conto di quanta elettricità e carburante consumiamo per far funzionare i macchinari dell’azienda. Oppure delle eventuali spese di spedizione dei nostri prodotti.Tutto questo rientra tra i costi variabili.

 

Proiezioni di vendita nel business plan startup

Per quanto possano sembrare delle previsioni altamente aleatorie, quelle di vendita sono davvero importanti all’interno di un business plan startup. Esistono strumenti e metodologie in grado di ottenere delle realistiche previsioni di vendita, senza lanciarsi in obiettivi assolutamente insensati.

Una seria analisi di mercato che individui il numero dei potenziali clienti che possono essere interessati o che cercano effettivamente un certo prodotto è possibile. Le informazioni si possono dedurre ad esempio analizzando le comunicazioni aziendali e i bilanci pubblici dei competitor. In questo modo sarà possibile ricavare una proiezione di vendita credibile da inserire nel business plan startup.

In base poi al prezzo praticato e avendo già chiaro il costo di produzione per singola unità si può passare allo step successivo.

 

Break even point

Tutte le informazioni precedentemente raccolte servono poi per determinare nel business plan startup il break even point. Questo calcolo deve tenere conto di tre fattori fondamentali.

 

  • I costi fissi
  • I costi variabili
  • Il prezzo di vendita del nostro prodotto

Grazie a questi elementi (e altri più complessi) è possibile stabilire il numero di prodotti che dobbiamo vendere ogni anno per coprire tutte le spese che la startup deve sostenere. Sotto questa soglia l’azienda lavora in perdita, sopra stiamo producendo profitti.

 

Risultato economico

Questo percorso che troviamo all’interno del business plan startup deve arrivare alla produzione di un conto economico che sia in grado di mostrare le prospettive di medio periodo. Parliamo quindi di circa 3 anni, che in questo periodo sono davvero moltissimi.

In ogni caso è importante far capire a chi legge il business plan se l’azienda sarà in grado di autofinanziare i futuri investimenti o avrà bisogno di una importante linea di credito. Oppure quando ci sarà il completo rientro dalle spese di avviamento della startup. Questi dati devono essere esposti in modo chiaro e dettagliato.

 

Business plan per startup insieme a Up2Lab

Come è facile intuire la redazione di un business plan per un’azienda che deve ancora spiccare il volo è un compito davvero impegnativo. Per questo motivo è importante rivolgersi a professionisti come noi che sono in grado di dare un supporto di primo livello. Perché un business plan startup preciso e credibile permette agli startupper di accedere a finanziamento fondamentali per l’avviamento dell’azienda.

Vuoi consulenza per rivedere creare il tuo Business Plan?

Prenota una Consulenza
Related Posts
Leave a Reply

Your email address will not be published.Required fields are marked *

Chiama Ora